Diabete.it - Parliamone insieme  
Homepage
Progetto subito
Gli strumenti
Interviste
Evidence Based Medicine
Pico
Dossier
Farmaci
Il mio diabete
Problem solving
ADA ti consiglia
Chi siamo
Cosa è AMD
Link
Scrivici

Sono una persona con diabete

Voglio sapere come si fa per ottenere o rinnovare la patente di guida.
 

Patente facile: il nuovo iter


Una circolare del Ministero della Salute, emanata nel maggio 2006, dopo una lunga attività di lobbying da parte delle Associazioni Scientifiche e dei Pazienti ha definito un iter semplice ed efficace per chi deve conseguire la patente che mette nel giusto risalto il ruolo del diabetologo e valorizza gli enormi progressi fatti dalla diabetologia italiana e dalle persone con il diabete.

Il nuovo iter
Cosa dice la circolare? Che la persona con diabete che desidera ottenere o rinnovare una patente ‘normale’ (A, B, BE e sottocategorie) deve recarsi da un Diabetologo. In teoria può trattarsi di qualunque medico specializzato in diabetologia o malattie del ricambio dipendente della Asl o in una struttura convenzionata. In pratica la cosa migliore è recarsi dal proprio Diabetologo o Pediatra Diabetologo.
Questi deve riempire un apposito modulo (se vuoi scaricarlo clicca qui) nel quale si definisce la condizione del paziente per quello che attiene alla idoneità psicofisica alla guida e dispone:
• dispone la concessione/rinnovo della patente per tutto il periodo di validità
• dispone a concessione/rinnovo della patente per un periodo limitato
• investe del caso la Commissione medica locale
Nei primi due casi il paziente si reca con questo foglio alla normale ‘visita’ per il rilascio o rinnovo della patente, quella prevista per tutti e svolta generalmente in una autoscuola o agenzia di pratiche auto e – se non ci sono impedimenti legati a condizioni diverse dal diabete – otterrà senza ulteriori problemi l’atteso documento o rinnovo.

Scadenza ‘normale’ tranne eccezioni
La valutazione della Commissione medica locale diventa l’eccezione e non la regola per le persone con il diabete.
Leggendo il modulo e le Linee guida per la sua compilazione emergono indicazioni utili per capire il comportamento del Diabetologo o eventualmente della Commissione in termini di scadenza. In passato le Commissioni Mediche Locali gestivano la durata del rinnovo come un ‘voto all’equilibrio glicemico’ del paziente. Due anni di rinnovo a chi aveva una glicata alta e qualche complicanza, sette anni a chi aveva un buon equilibrio.
La nuova normative è molto chiara in proposito. La durata limitata va richiesta se il diabetologo prevede che una componente essenziale nella abilità di guida possa modificarsi prima della scadenza naturale della patente.
Con le nuove regole quindi una persona con diabete mal controllato e una microalbuminuria che potrebbe trasformarsi in macroalbuminuria può tranquillamente ottenere dieci anni di rinnovo. La disfunzione renale in sé non è un aspetto che rende meno sicura la guida.


Il nuovo iter
Patenti professionali
Patenti nautiche
 
È il diabetologo a decidere seguendo criteri definiti, per quanti anni rinnovare la patente. La visita presso la Commissione medica è riservata ai casi più complessi.